Passa ai contenuti principali

Recensione libro: "High and dry: primo amore", Banana Yoshimoto.

Ciao a tutti lettori, 
oggi recensirò un altro libro letto nell'ultimo mese. Si tratta di "High and dry: primo amore" di a Banana Yoshimoto. Questo è il primo volume che leggo di un autore/autrice giapponese.  Ho intenzione di avvicinarmi sempre più a questa cultura perché a) mi attrae un sacco; b) voglio imparare il giapponese; c) ho praticato per nove anni karatè, ritengo dunque di avere un piccolo pezzetto di Giappone nella mia anima da un tempo immemore.

Bando alle ciance, iniziamo subito con la recensione di questo libro. La protagonista del libro è Yuko. Questa è in grado di vedere cose che gli altri non vedono, e di indovinare i desideri e i pensieri di chi le sta intorno grazie a una sensibilità fuori dal comune. Compiuti quattordici anni, tutto sembra assumere sfumature misteriose, e il mondo si popola di bizzarre creature. Yuko sta imparando ad assegnare un colore a ogni stato d'animo e a ogni emozione; a insegnarglielo è Kyu, il suo maestro di disegno, che ha il doppio dei suoi anni. Quando dal fusto di una pianta fuoriescono degli strani omini verdi, loro sono gli unici a vederli. Nello stesso istante, Yuko assapora l'incanto sottile del primo amore.





Apparentemente è una storia come tante, un classico diciamo, ma invece è raccontata in modo dolce e sensibile, il primo amore visto con gli occhi innocenti di una quattordicenne, un incontro "magico", in tutti i sensi. 
A rendere ancora più magica la storia è l'incredibile stile toccante e leggero della scrittrice. La Yoshimoto usa uno stile tenue e sussurrato; il linguaggio è intimo, semplice e privo di eccessi. "High & Dry" non è nulla di eccezionale, non spettatevi colpi di scena o risvolti inaspettati, è semplicemente, il "culto della quotidianità", delle piccle cose, dei piaceri e delle sofferenze che tutti gli adolescenti si trovano a fronteggiare durante il passaggio alla maturità...


"High and Dry " è un libro che consiglio di leggere a chi vuole passeggiare per un po' in un mondo ovattato dove anche i colori hanno delle sensazioni. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Come ho imparato l'inglese!

Ciao a tutti,  in questo post vi parlerò di come sono riuscito a raggiungere un livello medio-alto di inglese in circa un anno. Anzitutto, vorrei subito specificare che imparare un'altra lingua è veramente un'ardua impresa: sarà necessario armarvi di tanta pazienza e forza d'animo. Molte volte, infatti, soprattutto agli inizi vi troverete a dover fronteggiare situazioni di grande sconforto ed è proprio in quei momenti che dovrete continuare a perseverare e a credere nelle vostre abilità linguistiche, senza mai perdere l'entusiasmo.  Per imparare l'inglese o, più generalmente, una nuova lingua non è strettamente necessario dover viaggiare e fare visita nei paesi in cui tale lingua è parlata.  Tutt'altra cosa, avrete bisogno di migliorare le quattro abilità principali ossia lo speaking ( il parlare), il writing ( lo scrivere), il listening ( l'ascoltare) e il reading ( il leggere). 

Per migliorare lo speaking quello che consiglio spassionatamente è di trovare un a…

Sword Art Online, recensione: che cosa ne penso?

Ciao a tutti,

in questo post ho intenzione di recensire un anime nel quale recentemente mi sono imbattuto! Come alcuni di voi hanno potuto capire già dal titolo, l'anime di cui ho intenzione di parlarvi è Sword Art Online.

Siamo nell'anno 2022, nel giorno in cui avviene il lancio ufficiale di Sword Art Online (SAO), un gioco di ruolo virtuale multigiocatore online. Una volta collegato al NerveGear ( una sorta di console) , permette al giocatore di tuffarsi in un mondo completamente virtuale. Il creatore del gioco ha però reso tale esperienza ancora più unica, escogitando un meccanismo che impedisce d'interrompere l'avventura intrapresa. Infatti un "game over" all'interno del gioco significa anche la morte nel mondo reale.

Ho cominciato a vederlo senza troppe aspettative e l'ho trovato molto piacevole. La storia è avvincente e svolta ogni volta che gli spettatori cominciano ad abituarsi all'ambientazione e ai personaggi . Pur essendo ambientato prev…

Recensione libro: "La ragazza del treno" di Paula Hawkins. Che cosa ne penso ?

Buon pomeriggio a tutti voi, una delle ultime letture in cui mi sono imbattuto è 'La ragazza del treno' di Paula Hawkins. Perciò, in questo post, andremo ad analizzare questo libro.
Il libro è ambientato a Londra; la storia del film (alla cui produzione Hawkins non ha partecipato) si svolge invece a New York. Parla di Rachel Watson, una donna che ha divorziato dal marito (interpretato da Theroux) dopo aver scoperto che lui la tradiva. Rachel è sola, alcolizzata e senza lavoro: è stata licenziata ma per nascondere la cosa a chi la conosce continua ogni giorno ad andare avanti e indietro lungo la Hudson Line, la linea ferroviaria dei pendolari che lavorano a New York ma vivono qualche decina di chilometri più lontano. Lungo il percorso Rachel vede la sua vecchia casa, in cui il suo ex marito ora vive con la sua nuova famiglia; per distogliere le sue attenzioni finisce per concentrarsi su una casa non molto lontana, in cui vivono Megan e Scott, una coppia che agli occhi di Rache…